Questo sito utilizza i cookie per assicurarvi una navigazione ottimale!

Scuola di Evangelizzazione

Bibbia in mano alla ricerca della "Nuova Evangelizzazione"


"Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo a ogni creatura" (Mc 16,15)

scuola evanOgni età è buona per mettersi in gioco nella nostra parrocchia e per i giovani dai 17 anni è iniziata la scuola di evangelizzazione.
Nata per dare una risposta concreta agli appelli di beato Giovanni Paolo II a una "Nuova Evangelizzazione" è un incontro settimanale che inizia con la cena tutti assieme, prosegue con la preghiera e si conclude con un momento di formazione intensivo.
La cena ci permette di conoscerci meglio e con questo semplice gesto diventare uomini e donne del dono e della condivisione.

Subito dopo insieme preghiamo. La preghiera è uno strumento essenziale di comunicazione che ci permette di rapportarci a Dio. E come ci insegnano tutti i buoni psicologi uno degli ingredienti principali per una buona relazione è senza dubbio la comunicazione. Può accadere che la comunicazione diventi difficile perché ci sono paure e pregiudizi oppure perché i ritmi intensi delle giornate concedono spazi brevi. Ritrovarci pertanto, e pregare tutti assieme, ci permette di mantenere vivo nel tempo il dialogo, stabilire un confronto e prendersi del tempo per noi e per Dio.
Subito dopo, avviene la vera e propria lezione. Pian piano, attraverso gli insegnamenti prestati si vorrebbe aiutare i giovani a imparare ad Amare, a mettersi in gioco, a far crescere e rafforzare la propria fede per comunicarla all'altro.
Seguendo l'esempio di Cristo si cerca di sviscerare la chiamata del Signore a essere annunciatori del vangelo. E ciò parte proprio dal conoscere la parola: l'unica in grado di dare risposte definitive alle domande profonde che ogni individuo prima o poi si trova a far fronte. Quindi, a tutti gli incontri ci è stato chiesto di portare con noi la Bibbia con la quale possiamo confrontarci con la via, la verità e la vita in essa descritta.

Aggiungere altro è un po' difficile, perché sarebbe come raccontare le sensazione di quando una persona si innamora... L'unica certezza che abbiamo è che il Signore non chiama chi è capace, ma rende capaci coloro che Egli chiama.

app